Corporate Governance

La Raiffeisen Kapitalanlage GmbH (Raiffeisen KAG) dispone sia di una concessione per la gestione di fondi comuni d'investimento mobiliare secondo la legge austriaca sui fondi comuni d'investimento sia di una concessione per la consulenza finanziaria e la gestione dei portafogli. Nell'ambito di queste attività la Raiffeisen KAG è soggetta al controllo da parte dell'autorità austriaca di vigilanza del mercato finanziario.

La Raiffeisen KAG in qualità di società di gestione persegue una politica d'investimento trasparente, sostenibile e sempre orientata all'interesse del cliente.
 
Nell'ambito della nostra attività come società di gestione del risparmio, teniamo conto soprattutto del "Codice di condotta" dell'industria dei fondi d'investimento austriaci. Informazioni particolareggiate a tale riguardo sono reperibili sul sito Internet di Raiffeisen Capital Management accedendo al menu "Note legali". 
 
Raiffeisen Capital Management si riconosce nei valori fondamentali del Gruppo RBI, quali sono descritti nel suo " Codice di condotta ". Raiffeisen Capital Management pone il "Codice di condotta" analogamente anche alla base della propria attività.

 

Processo d'investimento

Il nostro processo d'investimento si basa fra l'altro sulle seguenti linee guida:

  • Siamo manager attivi, in quanto riteniamo i mercati dei capitali inefficienti
  • Il nostro obiettivo è generare valore aggiunto sostenibile rispetto al mercato e alla concorrenza
  • Gestori dei fondi esperti e di successo, con abilità alfa, e processi d'investimento chiari, trasparenti, ben documentati ed effettivamente attuati sono le nostre colonne portanti
  • La capacità di generare valore aggiunto (Alfa) si basa soprattutto sulla ricerca fondamentale ed è favorita da modelli quantitativ.
  • Perseguimento di una serie di strategie indipendenti per la diversificazione del rischio – nessuna singola strategia è dominante.

 

Sulla base degli investimenti effettuati, i fondi della Raiffeisen KAG dispongono dei diritti dei soci e dei creditori, che all'occasione non manchiamo di esercitare in conformità con quanto stabilito a tal riguardo dalle nostre linee guida.

La qualità delle prestazioni fornite è assicurata da una struttura organizzativa adeguata all'interno della Raiffeisen KAG. Questa include tra l'altro l'organizzazione strutturale e di processo, il sistema di controllo interno e il sistema di gestione del rischio secondo gli standard più avanzati. Per la scelta dei partner di gestione esterni è stato introdotto e consolidato un processo specifico, con il quale si assicura che la collaborazione avvenga esclusivamente con partner contraenti in grado di garantire una prestazione dei servizi accurata e secondo le regole.

 

Conflitti d'interessi

La Raiffeisen KAG dispone di una organizzazione compliance interna che annovera tra i propri compiti, in particolare, quello di supportare le singole divisioni nell’individuare e risolvere conflitti d'interessi fra la società e i fondi gestiti oppure tra i vari fondi, in modo da escludere che tali conflitti d'interessi incidano negativamente sugli interessi degli investitori. Uno dei provvedimenti volti a prevenire l’insorgenza di conflitti d'interessi è l'istituzione di ambiti confidenziali. Con questo provvedimento si intende fare sì che informazioni rilevanti ai fini della compliance non escano dall’ambito specifico della Raiffeisen KAG nel quale sono nate o sono state registrate e che vengano utilizzate solamente nella misura strettamente necessaria per il normale svolgimento dell'attività. Nel quadro della prevenzione dei conflitti d'interessi e di attività di insider trading sono state definite, all'interno della Raiffeisen KAG, regole speciali per le attività dei dipendenti, cioè per le transazioni personali degli impiegati. Tali regole si rifanno, nei contenuti, allo Standard Compliance Code dell'economia creditizia austriaca, ma sono state integrate con particolarità che riguardano specificatamente le società di gestione. Anche l’organizzazione compliance della Raiffeisen KAG viene controllata dall'ufficio di revisione interno su base annua.

La Raiffeisen KAG e le sue controllate hanno redatto una policy relativa ai conflitti d'interessi che espone i nostri principi fondamentali sul trattamento dei conflitti d’interessi, indica i potenziali conflitti d'interessi e illustra come gestirli.   Codice di condotta
 

Tutela dell’investitore

Inoltre applichiamo provvedimenti atti alla separazione delle funzioni, ancorati alle norme vigenti, al fine di tutelare il patrimonio investito e quindi i nostri investitori.

  • Ad esempio un fondo rappresenta un patrimonio speciale che non si trova in proprietà della società di gestione o della banca depositaria, ma rimane sempre di proprietà dei detentori dei certificati di quota e così è separato dal patrimonio della società di gestione, della banca depositaria e da altri fondi della società di gestione.
  • D'altro canto una banca depositaria è incaricata di custodire i titoli appartenenti a un fondo, di gestire i conti appartenenti al fondo e di emettere e restituire i certificati di quota. La custodia dei titoli avviene pertanto separatamente dalla Raiffeisen KAG, che si occupa di gestire il patrimonio investito. Anche l'accertamento del valore delle quote dei fondi spetta alla banca depositaria ed è quindi un elemento fondamentale della separazione dei poteri. In questo modo si assicura una negoziazione corretta.

I fondi sono soggetti a requisiti di trasparenza e comunicazione nei confronti dei detentori dei certificati di quota particolarmente rigorosi. Il valore del certificato di quota di un fondo viene pubblicato giornalmente se si tratta di fondi pubblici. I detentori dei certificati di quota ricevono informazioni esaurienti sul loro fondo o sui loro fondi, e precisamente sotto forma di un prospetto di vendita completo e le informazioni chiave per gli investitori (contenti tra l'altro indicazioni sull'azienda stessa, una descrizione degli obiettivi d'investimento, il profilo di un investitore tipo e informazioni sui costi e le imposte) come pure un rendiconto e un rapporto semestrale (contenenti in particolare informazioni sull'andamento del fondo nel periodo oggetto del rapporto).
Informazioni sull'indennizzo degli investitori:
La Raiffeisen Kapitalanlage-Gesellschaft m.b.H. è soggetta alla terza parte della normativa austriaca ESAEG sulla garanzia dei depositi e sull'indennizzo degli investitori (Einlagensicherungs- und Anlegerentschädigungsgesetz). È inoltre membro della Einlagensicherung AUSTRIA Ges.m.b.H., deputata all'indennizzo degli investitori.
Tutte le informazioni necessarie per l'indennizzo degli investitori sono reperibili sul sito della Einlagensicherung AUSTRIA Ges.m.b.H. (www.einlagensicherung.at).
 

Controllo

L'ufficio di revisione interno verifica costantemente l'attività della Raiffeisen KAG nonché la conformità alla legge, la regolarità e appropriatezza dell'azienda sulla scorta di un piano di revisione redatto con cadenza annuale. Anche il bilancio di chiusura e il bilancio consolidato della Raiffeisen KAG sono sottoposti a verifica annuale, comprendente la contabilità, il rapporto sulla situazione il rapporto sulla situazione del gruppo, da parte di un revisore bancario che rilascia un'attestazione di bilancio incondizionata in caso di rispondenza ai requisiti imposti. Il revisore bancario redige, inoltre, un documento allegato al rapporto di verifica, che contiene delle dichiarazioni in ordine alla conformità alle norme di vigilanza pertinenti in vigore e rappresenta una base importante per il controllo sulla Raiffeisen KAG da parte dell'autorità di vigilanza del mercato finanziario.

 

 

Principi fondamentali Best Execution

Nel quadro dell’attività della Raiffeisen KAG si dà luogo all’esecuzione di decisioni di negoziazioni o all’inoltro di ordini di negoziazione da eseguire. Per ottenere i risultati migliori possibili per i fondi/i portafogli e i rispettivi clienti, questa attività si ispira ai seguenti principi fondamentali della politica esecutiva (Best Execution Policy).  Principi fondamentali Best Execution

 

Principi della politica di votazione nelle assemblee generali

In quanto società d’investimento, la Raiffeisen Kapitalanlage-Gesellschaft mit beschränkter Haftung („Raiffeisen KAG“) ha il compito di esercitare il diritto di voto proprio degli azionisti, e questo in maniera diretta o tramite suoi rappresentanti autorizzati in tal senso. Essa esercita questo diritto relativamente a tutte le partecipazioni azionarie in Austria e per quelle azioni che rappresentano una quota importante nella capitalizzazione di mercato.  Principi della politica di votazione durante le assemblee generali

 

Na politica di remunerazione attuale della Raiffeisen KAG in dettaglio

Le direttive emanate da Raiffeisen KAG in materia di remunerazione ("Direttive sulle remunerazioni") costi-tuiscono il quadro vincolante per il recepimento delle disposizioni per le politiche e le prassi di remunera-zione contenute negli articoli 17a - 17c InvFG (legge austriaca sui fondi d’investimento), nell'articolo 11 AIFMG (legge austriaca sui gestori di fondi di investimento alternativi) e nell'Allegato 2 all'articolo 11 AIFMG. Nel rispetto delle prescrizioni di legge, le Direttive sulle remunerazioni contengono in particolare le regolamentazioni dettagliate riguardanti gli aspetti generali della politica di remunerazione, ivi incluse le regole per la determinazione adeguata delle retribuzioni fisse e variabili e dei contributi volontari a fini previdenziali, la formulazione e la misurazione del successo per il "bonus pool", le regole per l'assegnazione e la liquidazione della remunerazione variabile e per la valutazione dei risultati raggiunti nonché regole speciali per i dipendenti che ricoprono funzioni di controllo. Le Direttive sulle remunerazioni contengono inoltre le prescrizioni per la selezione del "personale più rilevante" ai sensi dell'articolo 17a InvFg e dell'articolo 11 AIFMG ("Personale più rilevante") e regolamenti speciali attinenti alle loro remunerazioni, in particolare per quanto concerne l'acquisizione del diritto e il pagamento nonché l'allineamento al rischio delle remunerazioni variabili.  più

Per informazioni sulla composizione del Comitato per le remunerazioni vedere qui. pui

 

Informazioni concernenti l’attuazione delle disposizioni per l’accertamento dell’idoneità di dirigenti, membri del Collegio sindacale e personale che riveste ruoli chiave (art. 5 par. 1 comma 6, 7 e 9 e artt. 9a, 28a par. 5 comma 1 - 5; e InvFG 2011 (legge austriaca sui fondi d’investimento)  art. 6 par. 1 comma 10 e art. 5 par. 2 comma 1 AIFMG – legge sui gestori di fondi alternativi)
Negli articoli 5 par. 1 comma 6 - 11 e comma 13, 28a par. 3 e par. 5 e 30 par. 7a BWG (legge austriaca sulle attività bancarie) sono stabiliti determinati requisiti per i dirigenti, i membri del Consiglio di amministrazione e del Collegio sindacale di enti creditizi, holding finanziarie e holding finanziarie miste. Tali requisiti riguardano tra l’altro l’affidabilità personale, l’idoneità professionale e l’esperienza necessaria per lo svolgimento di funzioni direttive e di supervisione strategica nonché una sufficiente disponibilità di tempo (requisiti di onorabilità e professionalità - fit and proper requirements).
Inoltre le linee guida emanate dalla Autorità Bancaria Europea (ABE) e applicabili dal 22.5.2013 per la valutazione dell’idoneità dei membri dell’organo gestorio e del personale riveste ruoli chiave del 22.11.2012 (EBA/GL/2012/06) fissano i criteri e le procedure che gli enti creditizi sono tenuti ad osservare nel valutare l’idoneità dei membri dell’organo gestorio nelle funzioni di gestione e supervisione strategica. L’Autorità di Vigilanza sui mercati finanziari ha pubblicato una circolare nel maggio 2013 in merito all’accertamento dell’idoneità dei dirigenti, dei membri del collegio sindacale e del personale che riveste ruoli chiave (Circolare Fit & Proper).
Considerato che i requisiti Fit & Proper devono essere osservati dagli istituti sia a livello di singolo ente creditizio che a livello di gruppo creditizio (art. 30 BWG), la RBI in qualità di ente creditizio sovraordinato del gruppo creditizio RBI ha emanato una specifica direttiva RBI Fit & Proper per tutto il gruppo, in cui vengono fissati gli standard minimi per i membri del gruppo creditizio RBI che devono rispondere ai requisiti Fit & Proper.

In attuazione di tali disposizioni, la Raiffeisen KAG ha emanato una direttiva Fit & Proper che istituisce un processo per l’esecuzione di valutazioni di idoneità per i membri del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale e per il personale che riveste ruoli chiave. Tale direttiva stabilisce altresì le responsabilità e i criteri per la valutazione dell’idoneità e dell’affidabilità personale. Ciò stante la Raiffeisen KAG prima di procedere ad una nomina o rinomina di un membro del Consiglio di Amministrazione o del Collegio Sindacale o di un membro del personale che riveste ruoli chiavi, accerterà e documenterà la rispettiva idoneità e affidabilità personale sulla base dei requisiti di legge. Inoltre è stato implementato un processo per l’esecuzione di controlli interni periodici, volti ad accertare l’idoneità dei membri del Consiglio di Amministrazione e del Collegio sindacale e del personale che riveste ruoli chiave (Evaluation).

La valutazione dell’idoneità avverrà sulla base delle informazioni e dei documenti che il candidato a membro della Direzione o del Collegio sindacale o il personale che riveste ruoli chiave dovrà presentare (curriculum, estratto del casellario giudiziale, indicazioni sulla disponibilità di tempo, potenziali conflitti d’interesse ecc.). Una valutazione complessivamente positiva (“fit & proper”) sarà pronunciata se l’idoneità professionale e l’affidabilità personale corrispondono ai criteri fissati e ai requisiti previsti dalla legge. La nomina dei membri della Direzione e del Collegio sindacale sarà comunicata all’Autorità di vigilanza sui mercati finanziari allegando la documentazione relativa alla valutazione in conformità con le disposizioni di legge.

 

Politica di partecipazione

La Raiffeisen Kapitalanlage-Gesellschaft m.b.H. ("Raiffeisen KAG"), in qualità di gestore patrimoniale ai sensi dell'articolo 185 Paragrafo 1.1 del BörseG (Legge Austriaca sulla Borsa), è tenuta a stabilire una politica di impegno che descriva come la Raiffeisen KAG integri la partecipazione come azionista nella propria strategia di investimento. Una parte essenziale della partecipazione consiste nell'esercizio dei diritti di voto conferiti all'azionista.
Inoltre, Raiffeisen KAG è tenuta, ai sensi dell'articolo 185, paragrafo 1.2 del BörseG (Legge Austriaca sulla Borsa), a rendere pubblico ogni anno come la propria politica di partecipazione è stata attuata.
Politica di partecipazione

 

Reclami

La ringraziamo per aver scelto i prodotti della Raiffeisen KAG o delle sue controllate. In qualità di società di gestione perseguiamo una politica d'investimento trasparente, sostenibile e sempre orientata all'interesse del cliente. Tuttavia, qualora abbia motivo di sottoporci suggerimenti o reclami, ci potrà contattare tramite i seguenti canali:

Telefono: +43 1 71170-0
Fax: +43 1 71170-761092
E-Mail: kag-info@rcm.at
Internet: www.rcm.at
A mezzo lettera: Mooslackengasse 19, 1190 Wien

Sarà nostra cura metterci in contatto con Lei al più presto possibile. La sua richiesta sarà da noi esaminata tramite l’addetto all’assistenza clienti competente del caso. Lo scopo è trovare insieme una soluzione riguardo alla Sua richiesta. Potrà comunicare con noi sia in tedesco sia nelle lingue dei Paesi in cui distribuiamo i nostri prodotti. Questo servizio è gratuito per Lei che investe nei nostri prodotti.